imagealt

ERASMUS+

Il 14 Ottobre si è tenuto in Piazza Duomo il primo Erasmusday organizzato dall'IIS Zoli in occasione del suo accreditamento all'Erasmus+.
La data non è stata casuale: il 13-14-15 ottobre in tutto il mondo si organizzano manifestazioni per presentare e divulgare il programma di mobilità internazionale.
Nel corso di tutta la mattinata si sono alternati musica, spettacolo, interviste e condivisione di esperienze.
L'evento si è aperto sulle note di Imagine, in cui John Lennon immagina un mondo as one, cioè come se fosse un tutt'uno senza confini.
Le sue parole suonano ancora oggi come quelle di un dreamer, un sognatore.
Eppure, anche nella buia notte che stiamo vivendo, brilla un barlume di speranza ed è riposto, come sempre, nelle nuove generazioni. Se tutti i giovani si sentissero parte di un'unica “confraternita di uomini”, il domani realmente non conoscerebbe divisioni, ma solo pace e tolleranza.
Così, mentre la canzone lo accompagnava in sottofondo, il monito che è riecheggiato nella piazza è stato quello a viaggiare, con curiosità ed apertura, con sete di conoscenza. È stato citato anche Ulisse che nella Divina Commedia viene condannato all'Inferno per aver tentato di superare i limiti del noto, oltrepassando le Colonne d'Ercole.
“Superare le colonne d'Ercole non è peccato!” era l'urlo che ribaltava la posizione di Ulisse, perchè “non è sbagliando che si impara, ma viaggiando!”
Viaggiando si conosce e si comprende l'altro, il diverso da sé e, contemporaneamente, se stessi.
L'evento è stato condotto magistralmente da alunni e alunne dello Zoli e dai docenti della commissione Erasmus.
In scaletta, varie testimonianze di scambi culturali, la Rossini Orchestra Ensemble di Elice, una “Zoli's got talent”, cioè un'esibizione di cantanti, musicisti e gruppi musicali dello Zoli, ed infine due special guests: Setak e Luka Savelkoul, rispettivamente un cantautore che porta nel mondo il vernacolo abruzzese attraverso le sue canzoni e un Dj catalano, ex studente Erasmus.
Durante l'evento sono intervenuti il sindaco di Atri, Prof. Piergiorgio Ferretti, la Dirigente Scolastica, Prof.ssa Paola Angeloni, l'ambasciatrice eTwinning Erasmus+ Abruzzo Professoressa Gaetanina Da Fermo, l'Assessore alla cultura Mimma Centorame e Lorenzo Infante. Orgogliosi di essere anch'essi parte della svolta di Atri verso l'internazionalità e l'intercultura, hanno ringraziato i referenti alla progettazione per aver permesso l'accreditamento e hanno invitato gli alunni e le alunne a sfruttare la grande opportunità che il progetto Erasmus offre.
La piazza è stata gremita di ragazzi e ragazze di tutti gli indirizzi dello Zoli e delle classi terze della scuola secondaria di primo grado di Atri, che hanno riempito di vita il paese, quel paese, Atri come qualunque altro, a cui sempre si tornerà con il cuore, ma che non può essere l'unico amore della vita, per quanto il primo ed il più grande.